IPNOSI

L’ipnosi è un fenomeno clinico fondato su basi neurofisiologiche. Nell’immaginario pubblico, tuttavia, viene spesso considerata una pratica misteriosa e dalla natura oscura. Complice l’immagine che ne danno le esibizioni televisive, i film, i fumetti e la letteratura, spesso l’ipnosi viene vista con sospetto e diffidenza, soprattutto in Italia. Nel mondo anglosassone, il pubblico ha molta confidenza con l’ipnosi grazie al grande successo che quest’ultima riscuote sia in ambito clinico sia in quello spettacolare. In molti paesi europei, l’ipnositerapeuta è una figura professionale riconosciuta, al contrario da quanto avviene nel nostro paese. Tuttavia, anche in Italia si sta diffondendo la cultura dell’ipnosi clinica, praticata da medici e psicoterapeuti per la risoluzione di numerosi problemi che compromettono la qualità di vita dei pazienti. Grazie all’ipnosi si possono efficacemente contrastare le fobie, le dipendenze, i disturbi del comportamento alimentare, l’ansia, il dolore cronico.

INFOGRAPHICS IPNOSI

CHI SONO

Sono nato a Roma il 28 maggio 1973. Sono titolare di laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria, conseguita cum laude presso l’Università “Sapienza” di Roma nel 1996. Sono cittadino italo-svizzero e nel 2014 ho ottenuto il riconoscimento del mio titolo di laurea in Svizzera con la qualifica di Médecin Dentaire. Sono iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Pavia (iscrizione n. 1005).

A partire dal 2006 ho intensificato l’approfondimento e lo studio dell’ipnosi clinica;  campo di mio interesse elettivo è la sedazione e l’analgesia dei pazienti odontoiatrici anche ansiosi e/o fobici. Ho esteso l’utilizzo dell’ipnosi in campo odontoiatrico alla dissuasione dal fumo quale strumento di prevenzione delle parodontopatie e del carcinoma orale. Ho trovato utile l’impiego dell’ipnosi finalizzata al miglioramento della salute orale su pazienti odontoiatrici dalle abitudini alimentari non corrette. Continuo con entusiasmo il mio aggiornamento sull’ipnosi, che quanto più padroneggio, tanto più mi riempie di meraviglia. Realizzo corsi di ipnosi presso gli OMCeO di varie province italiane, ANDI e altre associazioni di categoria. Da alcuni anni mi occupo di docenze presso strutture e università in Italia e all’estero. Sono uno dei consulenti sul tema ipnosi per il portale di divulgazione medica OK Salute.

La mia opinione sull’ipnosi: l’ipnosi è uno strumento straordinario, grazie al quale le persone possono ottenere grandi cambiamenti. Smettere di fumare o dimenticare la fobia per i viaggi in aereo, in una sola seduta, sono evidenza dell’efficacia dell’ipnosi nel modificare positivamente le nostre architetture mentali.

Dal 2003 mi occupo di estetica dentale e dei tessuti periorali. Ho sviluppato i concetti espressi nello studio sullo sbiancamento dentale che avevo condotto e pubblicato nel 1997 e ho approfondito la preparazione e le indicazioni delle faccette estetiche in ceramica integrale. Mi sono avvicinato alle tecniche di somministrazione dei filler dermici riassorbibili per la definizione del volume labiale e dei tessuti molli periorali. Ho sviluppato tecniche personali meno invasive di quelle tradizionali e, negli ultimi anni, ho approfondito l’utilizzo delle microcannule atraumatiche. Dal 2013 sono opinion leader e formatore per alcune Aziende produttrici e distribtrici di filler riassorbibile a base di acido ialuronico destinato al mercato dentale. Da oltre 10 anni realizzo corsi di formazione per Odontoiatri sull’utilizzo di filler periorali riassorbibili.

La mia opinione sui filler: i filler possono rappresentare una valida “cornice” alle riabilitazioni odontoiatriche, consentendo un adeguato sostegno ai tessuti molli periorali qualora ne sia venuto meno sostengno dentoscheletrico o il volume a causa di atrofia o ptosi. Si tratta di prestazioni apprezzate dai pazienti, in quanto sicure, reversibili e dal risultato conseguibile rapidamente.

SCARICA IL CV

Visualizza il profilo di Francesco Rossani su LinkedIn

MASTER CLASS IPNOSI PER SANITARI 50 ECM

Percorso Formativo teorico-pratico approfondito: Dal 21 ottobre al 17 dicembre 2017 – ULTIMO POSTO DISPONIBILE

ISCRIVITI QUI

Questo percorso formativo Avanzato in 48 ore è rivolto ai professionisti sanitari che vogliono acquisire una solida formazione in Ipnosi Medica. Il programma si articola in 6 incontri mensili da 8 ore ciascuno (accorpati in 3 fine-settimana) ed è progettato per fornire le seguenti competenze:

  • procedure di induzione rapida ed ultrarapida
  • gestione della sedazione con ipnosi
  • gestione dei pazienti pediatrici e geriatrici
  • analgesia, controllo del dolore acuto e cronico
  • miglioramento della compliance
  • dissuasione dal fumo,
  • allontanamento da stili errati di alimentazione

La Master Class prevede, ad ogni incontro,  dimostrazioni ed esercitazioni pratiche. E’ previsto un esame finale, teorico e pratico.

ISCRIVITI QUI

SCARICA QUI LA BROCHURE IN PDF

Qualche momento dalle scorse edizioni: la giusta attenziona alla teoria e... tanta pratica!

Qualche momento dalle scorse edizioni: la giusta attenziona alla teoria e… tanta pratica!

ISCRIVITI QUI

Le tecniche trasmesse nel corso della Master Class sono specifiche per l’utilizzo da parte di medici, odontoiatri, psicologi e psicoterapeuti. I partecipanti saranno in grado di applicare immediatamente le tecniche apprese sui propri pazienti. Sono previste numerose esercitazioni pratiche; una selezione didattica dei filmati realizzati durante il corso saranno consegnati ai partecipanti su chiave USB o link riservato (servizio incluso nella quota di partecipazione). Verranno consegnate in formato elettronico (pdf) le dispense relative ad ogni incontro. In seguito all’esame finale verrà consegnato l’attestato di frequenza con voto.

Studio comparativo tra la sedazione con ipnosi e protossido di azoto

Venerdì 19 aprile 2013 è stato presentato a Roma, presso il XX Congresso del Collegio dei Docenti in Odontoiatria, il poster “Studio comparativo tra la sedazione con ipnosi e protossido di azoto”.

POSTER SSF 2013

IPNOSI NEUROSCIENTIFICA – PRIMA PARTE

L’ipnosi è un fenomeno sfuggente. E’ ancora dibattuto se l’ipnosi sia uno “stato” mentale a sé o semplicemente una variante dello stato di veglia (o stato di vigilanza). L’etimologia della parola non aiuta a fare chiarezza: hypnos, in greco, vuol dire sonno. Oggi sappiamo che l’ipnosi non ha nulla a che vedere con il sonno; tuttavia il termine venne coniato nella prima metà dell’800 dal medico scozzese James Braid nell’accezione di neuro-ipnosi o “sonno nervoso”, in opposizione al “sonno naturale”. La definizione del fenomeno data da Braid è di una sorprendente modernità:

[…] the real origin and essence of the hypnotic condition, is the induction of a habit of abstraction or mental concentration, in which, as in reverie or spontaneous abstraction, the powers of the mind are so much engrossed with a single idea or train of thought, as, for the nonce, to render the individual unconscious of, or indifferently conscious to, all other ideas, impressions, or trains of thought. The hypnotic sleep, therefore, is the very antithesis or opposite mental and physical condition to that which precedes and accompanies common sleep […]
—Braid, Hypnotic Therapeutics, 1853
[…] la reale origine ed essenza della condizione ipnotica è l’induzione di uno stato di astrazione o di concentrazione mentale in cui, come durante il sogno ad occhi aperti o un’astrazione spontanea, i poteri della mente sono talmente assorbiti da una singola idea o da “treni” di pensiero da rendere l’individuo incosciente, o diversamente cosciente, da ogni altra idea o impressione o pensiero. Il sonno ipnotico, pertanto, è in totale antitesi con la condizione mentale e fisica che accompagna il sonno normale […]
—Braid, Hypnotic Therapeutics, 1853
Nell’immaginario collettivo, tuttavia, si tende a confondere l’essenza del fenomeno con le sue manifestazioni esteriori. Un soggetto che si accascia tra le braccia dell’ipnotista ha l’apparenza di piombare istantaneamente in un sonno profondissimo, come accade in questo video.
Nel cervello del soggetto, nonostante la caduta del tono muscolare che rende spettacolari le tecniche di ipnosi istantanea, l’attività è tutt’altro che dormiente. In questo sito l’ipnosi è spiegata facendo riferimento alle più recenti teorie e scoperte nel campo delle neuroscienze; per questo motivo si parla di ipnosi neuroscientifica o NSH (Neuro-Scientific Hypnosis), in modo da distinguerla, nella descrizione causale dei fenomeni, dall’ipnosi “tradizionale” di stampo para-psicanalitico. La psicoanalisi ha ipotizzato schematizzazioni della mente ancora piuttosto diffuse: termini come “io”, “super-io”, “inconscio”, “subcosciente” sono sopravvissuti agli autori che li coniarono. Tutt’oggi la definizione più diffusa dell’ipnosi deriva direttamente da Emile Coué (1857-1926) [1], contemporaneo di Freud: l’ipnosi sarebbe un fenomeno di (auto)suggestione, in grado di consentire la comunicazione con la cosiddetta mente subcosciente o subconscio [2]. Il modello a cui si fa riferimento, tuttora molto menzionato, considerava la mente su due livelli: la mente cosciente (o mente critica), sede del pensiero analitico e razionale, e la mente subcosciente (o mente emotiva), sede delle emozioni e dell’immaginazione [3]. Secondo questo modello, la mente cosciente filtrerebbe le informazioni provenienti dal mondo esterno, trasmesse attraverso i sensi, effettuando una censura dei contenuti e proteggendo la vulnerabile mente subcosciente da eventuali informazioni nocive. La mente subcosciente, mancando di logica, tenderebbe a prendere per buona ogni informazione o suggerimento (leggi “suggestione”) proveniente dall’ambiente. Poiché, secondo questo modello, la mente subcosciente sarebbe il principale motore delle decisioni prese dall’individuo, se non fosse efficacemente difesa dal filtro critico operato dalla mente cosciente cadrebbe preda di ogni tipo di influenza esterna. L’ipnosi sarebbe in grado di mettere in stand-by la mente cosciente, consentendo l’invio di messaggi e informazioni alla mente subcosciente. Il meccanismo di disattivazione della mente cosciente, detto induzione, agirebbe grazie a risorse autogene dell’individuo, eventualmente con l’aiuto di una figura esterna (terapeuta o ipnotista, secondo il contesto).
Questa teoria venne ripresa da J.H. Schultz, creatore del metodo del Training Autogeno, e da praticamente tutti gli autori successivi fino a Bandler e Grinder con la loro PNL (Programmazione Neuro-Linguistica). L’ipnosi viene descritta e spiegata nei termini di cui sopra da tutti i manuali aventi per autori ipnotisti di grido come Derren Brown, Anthony Jacquin, Jonathan Royle, noti al pubblico televisivo anglosassone per i loro spettacolari esperimenti “in diretta”. Persino moderni manuali di ipnosi per la sedazione clinica [4] fanno riferimento al modello sopra descritto, per quanto oggi superato. Sicuramente questa teoria, per quanto datata, ha il vantaggio di essere relativamente semplice e di riuscire a fornire una spiegazione accettabile e in qualche modo familiare ai soggetti che vogliano sottoporsi a ipnosi. Vedremo che, paradossalmente, ciò influenza l’efficacia dell’ipnosi stessa.
Per una spiegazione aggiornata e plausibile dell’ipnosi occorre abbandonare la psicoanalisi e rivolgersi ai nuovi modelli della mente elaborati dalle neuroscienze alla luce delle recenti tecnologie di neuroimaging. Gli scanner a emissione di positroni (PET, Positron Emission Tomography) e la risonanza magnetica funzionale (fMRI, functional Magnetic Resonance Imaging) hanno, negli ultimi 20 anni, aperto una finestra sempre più estesa sul funzionamento del cervello. Queste macchine consentono la visualizzazione in tempo reale di gruppi di neuroni quando passano da uno stato quiescente ad uno stato di attività; è diventato quindi possibile lo studio strutturale e funzionale della “mente” in maniera oggettiva e ripetibile. Oggi è quindi possibile un approccio all’ipnosi molto più razionale rispetto al passato, quando il cervello e i suoi processi erano confinati in una scatola nera imperscrutabile. Nasce quindi l’era dell’ipnosi neuroscientifica o NSH.
Prima di esaminare il fenomeno “ipnosi” è necessario definire il “dominio” in cui tale fenomeno avviene. Ovvero: non ha senso descrivere e spiegare un caso particolare senza avere nozione del caso generale. Gran parte della trattazione che segue è basata sul lavoro del neuroscienziato inglese Chris D. Frith, che ha dato un grande contributo all’indagine scientifica sui meccanismi percettivi grazie ai quali interagiamo con il mondo [5].Nella seconda parte di questo articolo saranno illustrati i concetti alla base della codifica predittiva operata dalla nostra mente per creare una mappa della realtà. Tale codifica porta alla creazione dei “mattoncini” della nostra mappa mentale del mondo esterno: i Modelli Mentali Predittivi (MMP).A presto, alla seconda parte!
Questo articolo è stato pubblicato anche su autoipnosi.org
  1. Coué, E. (1922), Self mastery through conscious autosuggestion. New York, Malkan publishing co., inc.
  2. Il termine “subcosciente”, per indicare i processi mentali che avvengono al di là della consapevolezza, venne coniato dallo psicologo francese Pierre Janet (1859-1947) [3]. In psicanalisi, il termine considerato più corretto è “inconscio”; tuttavia “subcosciente” viene maggiormente utilizzato in relazione con l’ipnosi.
  3. Freud, S. (1915), Introduzione alla Psicoanalisi. Torino, Ed. Sagittario
  4. Lang, E.; Laser, E. (2009), Patient sedation without medication – Rapid rapport and quick hypnosis techniques.
  5. Firth, C. (2007), Making Up the Mind: how the brain creates our mental world. Blackwell Publishing

Copyright 2013, dr Francesco Rossani – Tutti i diritti riservati. La ri-pubblicazione di questo articolo, anche solo parziale, è consentita a condizione di citare espressamente l’autore e di includere il link all’articolo originale.